sabato 18 febbraio 2017

Il Faro

Leggi: Isaia 61:1-6 | La Bibbia in un anno: Levitico 23-24 Marco 1:1-22

[Il Signore mi ha unto] per dare agli afflitti di Sion un diadema invece di cenere, olio di gioia invece di dolore.—Isaia 61:3

Fin dalla sua fondazione, il centro chiamato “Il Faro” in Ruanda è diventato un simbolo di rinascita. Il centro si trova su un terreno che ai tempi del genocidio del 1994 ospitava una grande dimora del presidente. A differenza di quella casa, questa nuova struttura è stata edificata da cristiani come simbolo di luce e speranza. Oggi, oltre a un albergo, un ristorante e altri servizi per la comunità, ospita anche una scuola biblica, sorta allo scopo di crescere una nuova generazione di leader cristiani. Dalla cenere è sorta una nuova vita. Coloro che hanno costruito il Faro guardano a Gesù come fonte di speranza e redenzione.


Quando Gesù si recò nella sinagoga di Nazareth in giorno di sabato, aprì il libro di Isaia e annunciò che Egli era l’unto di Dio, mandato a proclamare la salvezza del Signore (vedi Luca 4:14-21). Gesù era venuto per consolare gli afflitti e per offrire redenzione e perdono. In Lui vediamo bellezza che sorge dalla cenere (Isa 61:3).

Sappiamo che le atrocità del Ruanda, con i suoi conflitti tribali, costò la vita a più di mezzo milione di persone. Non ci sono parole per questo immenso orrore. Eppure sappiamo che il Signore può aiutarci a ricominciare e guarisce anche dalle ferite più atroci—può farlo già qui sulla terra, o un giorno in cielo. Colui che unge con olio di gioia invece che dolore ci dona speranza anche in mezzo alle situazioni più buie.

Signore Gesù Cristo, i nostri cuori soffrono quando sentono parlare del dolore e della sofferenza che alcuni affrontano. Ti preghiamo, abbi pietà di loro. Gesù è venuto per portare speranza nelle circostanze più buie.

Fonte: ilnostropanequotidiano

Nessun commento:

Posta un commento

Dopo aver scritto il suo commento l'autore del blog ne comproverà l'approvazione.
SI AVVERTE che, solo nel caso che sarà trovata qualche parola offensiva nella sua opinione pertanto il suo giudizio di conseguenza non verrà pubblicato.
Grazie per aver lasciato il vostro commento.