lunedì 27 febbraio 2017

L’anello dell’invisibilità

Leggi: Giovanni 3:16-21 | La Bibbia in un anno: Numeri 17-19 Marco 6:30-56

Chiunque fa cose malvagie odia la luce. Giovanni 3:20

Il filosofo greco Platone (427-348 a.C.) usò un’immagine molto efficace per descrivere il lato oscuro del cuore dell’uomo. Raccontò infatti il mito di un pastore che scoprì per caso un anello d’oro in una tomba, dopo che un forte terremoto aveva aperto una voragine nel terreno. Sempre per caso si accorse che l’anello aveva la capacità magica di rendere invisibile chi lo indossava. Riflettendo sull'invisibilità, Platone sollevò questa domanda: se la gente non deve preoccuparsi di essere catturata e punita, resisterebbe alla tentazione di fare il male?


Nel Vangelo di Giovanni notiamo che Gesù sviluppa la stessa idea, ma in una direzione diversa. Conosciuto come il Buon Pastore, in questo caso Gesù pone l’accento sul fatto che spesso i cuori preferiscono restare nelle tenebre, pur di tenere nascoste le loro opere (Giovanni 3:19-20). Gesù non parla della nostra tendenza a nascondere il male per condannarci, ma per annunciare che Egli è venuto per salvarci (v. 17). Come Pastore dei nostri cuori, Gesù porta alla luce il peggio nella nostra natura, in modo che possiamo essere illuminati dall’immenso amore di Dio (v. 16).

Nella Sua misericordia, Dio ci ha chiamati fuori dalle tenebre e ci invita a seguirlo nella luce.

Caro Padre Celeste, grazie per la luce della Tua presenza nella mia vita. Aiutami a camminare con ubbidienza nella luce della Tua verità, in tutto ciò che devo fare oggi. Le tenebre del peccato si ritraggono quando la luce di Cristo è rivelata.

Fonte: ilnostropanequotidiano

Nessun commento:

Posta un commento

Dopo aver scritto il suo commento l'autore del blog ne comproverà l'approvazione.
SI AVVERTE che, solo nel caso che sarà trovata qualche parola offensiva nella sua opinione pertanto il suo giudizio di conseguenza non verrà pubblicato.
Grazie per aver lasciato il vostro commento.