venerdì 3 marzo 2017

Due ritratti

Leggi: Giovanni 16:19-24 | La Bibbia in un anno: Numeri 28-30 Marco 8:22-38

Voi siete ora nel dolore; ma Io vi vedrò di nuovo e il vostro cuore si rallegrerà e nessuno vi toglierà la vostra gioia.—Giovanni 16:22

Con fierezza, la nonna stringe tra le mani due fotografie incorniciate e le mostra agli amici fuori dalla chiesa. Sulla prima foto c’è la figlia, quando era ancora nel suo Paese natale, il Burundi. La seconda mostra il nipotino, che recentemente sua figlia ha partorito. Ma non è la figlia a tenerlo tra le braccia. Lei è morta nel darlo alla luce.


Si avvicina un’amica e guarda pensierosa le fotografie. Poi prende il volto della nonna tra le mani e tutto ciò che riesce a dire, tra le lacrime, è: “Lo so. Lo so”.

E sa davvero. Due mesi prima ha seppellito anche lei un figlio.

C’è qualcosa di speciale nel conforto di qualcuno che ha vissuto il tuo stesso dolore. Qualcuno che sa. Poco prima dell’arresto di Gesù, egli avvisò i Suoi discepoli: “Voi piangerete e farete cordoglio, e il mondo si rallegrerà,” ma poi proseguiva: “sarete rattristati, ma la vostra tristezza sarà cambiata in gioia” (Giovanni 16:20). Nel giro di poche ore, i discepoli avrebbero provato lo sconcerto dell’arresto di Gesù e della Sua crocifissione. Tuttavia, il loro dolore si trasformò in una grande gioia, prima inimmaginabile, quando videro Gesù risorto.

Isaia profetizzò del Messia: “Erano le nostre malattie che Egli portava, erano i nostri dolori quelli di cui si era caricato” (Isa 53:4). Abbiamo un Salvatore che non solo conosce il nostro dolore; lo ha vissuto. Egli sa. Gli importa. Un giorno il nostro dolore sarà trasformato in gioia.

Signore, grazie di essere andato alla croce per noi. Sicuramente proviamo dolore in questo mondo, ma Tu hai vinto il mondo e hai preso su di Te i nostri peccati e i nostri dolori. Aspettiamo il giorno in cui le nostre sofferenze saranno trasformate in gioia e ti vedremo faccia a faccia. Quando mettiamo nelle Sue mani i nostri pesi, Egli mette la Sua pace nei nostri cuori.

Fonte: ilnostropanequotidiano

Nessun commento:

Posta un commento

Dopo aver scritto il suo commento l'autore del blog ne comproverà l'approvazione.
SI AVVERTE che, solo nel caso che sarà trovata qualche parola offensiva nella sua opinione pertanto il suo giudizio di conseguenza non verrà pubblicato.
Grazie per aver lasciato il vostro commento.