sabato 18 marzo 2017

Qualcosa non va

Leggi: Salmo 34:11-18 | La Bibbia in un anno: Deuteronomio 32-34 Marco 15:26-47

Il Signore è vicino a quelli che hanno il cuore afflitto, salva gli umili di spirito.—Salmo 34:18

La mattina in cui nacque nostro figlio Allen, il dottore si sedette su una sedia ai piedi del mio letto e annunciò: “C’è qualcosa che non va”. Nostro figlio, che a vederlo sembrava perfetto, era nato con un grave difetto che minacciava la sua vita. Doveva essere portato al più presto con l’elicottero in un ospedale a più di 1,000 km di distanza per un intervento immediato.


Quando un medico ti dice che tuo figlio ha un problema, la tua vita cambia. La paura di quello che dovrai affrontare può buttarti giù, e gridi a Dio perché ti dia la forza di essere d’aiuto per il tuo bambino.

Come può un Dio d’amore permettere questo? Ti domandi. Gli interessa mio figlio? C’è davvero? Queste e altre domande scuotevano la mia fede quella mattina.

Poi arrivò mio marito, Hiram, e sentì la notizia. Quando il dottore andò via, Hiram disse: “Jolene, preghiamo”. Annuii e ci prendemmo per mano. “Grazie, Padre, per averci dato Allen. Appartiene a Te, non a noi. Tu lo hai amato prima che noi lo conoscessimo, appartiene a Te. Stagli vicino quando noi non possiamo farlo. Amen”.

Hiram è sempre stato un uomo di poche parole. Fatica ad esprimere i suoi pensieri e spesso non ci prova neppure, sapendo che io ho abbastanza parole per riempire ogni silenzio. Ma quel giorno in cui io ero a terra e la mia fede a pezzi, Dio diede a Hiram la forza di pronunciare le parole che io non riuscivo a dire. Mentre stringevo la mano di mio marito, in silenzio e tra molte lacrime, sentivo che Dio era proprio lì, vicino a noi.

In che modo Dio ha usato delle persone per darti forza quando il tuo spirito era abbattuto? I Salmi possono aiutarti a pregare quando non trovi le parole.Jolene Philo è autrice di A Different Dream for My Child: Meditations for Parents of Critically or Chronically Children, un libro di meditazioni per genitori di bambini affetti da gravi disabilità o malattie. Il miglior amico è quello che prega.

Fonte: ilnostropanequotidiano

Nessun commento:

Posta un commento

Dopo aver scritto il suo commento l'autore del blog ne comproverà l'approvazione.
SI AVVERTE che, solo nel caso che sarà trovata qualche parola offensiva nella sua opinione pertanto il suo giudizio di conseguenza non verrà pubblicato.
Grazie per aver lasciato il vostro commento.